La Prima Guerra Mondiale: ricordare, scoprire, comprendere

Conflitti nel mondo

Situazione a ottobre 2013

Conflitti nel mondo messico haiti colombia irlanda del nord paesi baschi sahara occidentale guinea bissau liberia costa d’avorio nigeria r.d. congo uganda rep. centrafricana mali ciad libia algeria kosovo kurdistan cipro ucraina israele/palestina georgia siria cecenia libano kirghizistan kashmir afghanistan iraq iran pakistan cina/tibet birmania/myanmar india yemen sudan sud sudan etiopia somalia thailandia filippine timor est corea nord/sud

Stati non in conflitto

Situazione intermedia

Stati in conflitto

Conflitti attuali

Missioni ONU

Conflitti 1914-2014 ( PDF)

Let’s reflect

Let’s reflect

Migration compact vs. mal d’Africa. Tradotto: politiche europee più compatte e stringenti sui migranti e, per contro, situazioni sociali e guerriglie che spingono sempre più disperati a lasciare le loro terre d’origine africane per cercare di sopravvivere. Due posizioni contrapposte pur essendo ambedue comprensibili. Come uscirne?

Un tema che è cronaca di tutti i giorni, in costante divenire. L’Austria che minaccia l’uso dei carri armati al confine del Brennero e l’Italia parla di chiusura dei porti per gli scafi delle ONG (Organizzazioni Non Governative) che non rispettano delle specifiche procedure. A livello di Unione Europea, gli argomenti sul tavolo delle trattative sono una revisione del Trattato di Dublino -in modo che il peso di occuparsi degli immigrati non gravi in toto sul Paese di prima accoglienza- l’aumento degli hot spot, il rafforzamento dei programmi di guardia costiera e di frontiera europea (i vari progetti Frontex e Triton, per intercedi), l’elaborazione di una procedura di rilascio dell’asilo uniforme a livello europeo, in modo da impedire che i flussi dei richiedenti asilo vengano condizionati dalle maggiori o minori difficoltà burocratiche esistenti nei diversi Paesi d’accoglienza.

 

Maria Serena Alborghetti, viaggiatrice, scrittrice, osservatrice ONU-UE in Africa, ci racconta di quello che sta accadendo e di cui noi poco o nulla sappiamo.  A noi dell’Euregio espone un’interessante riflessione, che le politiche immigratorie dovrebbero fare proprie.

Avanti ›

RICORDARE

Let’s talk!

Centenario Prima Guerra mondiale. Scoprire per capire: lo sapevi che…?

Su questo portale, condiviso tra Alto Adige, Tirolo e Trentino e gestito dall’Euregio, puoi trovare spunti di quanto la Prima Guerra Mondiale ha lasciato come impatto emotivo e fisico sulla nostra terra. Nella sezione “Let’s talk” riportiamo una serie di tematiche significative - che possono essere viste anche in relazione a luoghi o eventi commemorativi - sulle quali riflettere e confrontarci in modo sintetico ma stimolante, attraverso tre domande e relative risposte date da storici dell’Euregio di comprovata competenza.

SOCIAL

Visita le nostre pagine su Facebook e Youtube

Facebook YouTube

Clicca "Mi piace" per rimanere sempre aggiornato

euregio_timeline_it

TOP

SCOPRIRE

In cifre

TOP

COMPRENDERE

Memorie e tracce

Come veniva vissuta la quotidianità

Come vivevano i combattenti? E le famiglie che aspettavavo a casa? In cosa consisteva il rancio al fronte? In questa sezione vogliamo documentare come le precarie condizioni di vita delle persone siano diventate un ulteriore fronte di combattimento quotidiano.

scuola

Didattica

Nella sezione scuola è nostra intenzione mettere in contatto tra loro insegnanti e studenti dell’Euregio, stimolando così il dialogo e lo scambio di informazioni sul tema della prima guerra mondiale, ma anche mettere loro a disposizione del nuovo materiale didattico su cui confrontarsi.

foto

Raccolta Werkmeister Anton Trixl - Archivio fotografico del Tirolo

Video

Mein Urgroßvater, Soldat des Kaisers - ORF 2014

TOP